Proverbifumo.wmf (8822 byte)

DIFETTI

 

U dissi san gennaru!...ca pe cazzuni non c' rriparu.

L'ha detto san Gennaro!...che per gli stupidi non c' rimedio.

Cu va appressu a ceji cull'ali jcchi cazzuni ca pari.

Chi insegue gli uccelli con le ali pi scemo di quello che sembra.

Caccia l'acqua du mari ca scorcia da nucija.

Toglie l'acqua dal mare con il guscio di una nocciola.

Chiju bonu pe stajgghiatura i jhumara.

Quello buono per bloccare il fiume.

U Signuri non senti all'angiali cantari e senti e scecchi bramari?

Il Signore non sente gli angeli cantare e vuoi che senta gli asini ragliare?

Pijgghiaru a luna pe pezzotta i casu.

Hanno scambiato la luna per una ruota di formaggio.

Oji dici ciciri e domani dici favi.

Oggi dice ceci e domani dice fave.

E' fuffula comu a cucuzza.

E' vuota come la zucca.

Faci u stortu pe nommu vai a guerra.

Si finge scemo per non andare in guerra.

Cu nasci tundu non poti moriri quatratu.

Chi nasce tondo non pu morire quadrato.

Ccattunu a centu ducati e vindinu a n'unza.

Comprano a cento ducati e vendono ad un'oncia.

Caccia l'acqua du mari cu panaru.

Toglie l'acqua dal mare con il paniere.

I giornali e i ccendiri i ccattunu i fissa.

I giornali ed i fiammiferi li comprano i fessi.

Tutta a farina si ndi'jiu pe levatu.

Tutta la farina stata sprecata per fare il lievito.

Faci u risparmiu da cinniri e u spragu da farina.

Risparmia la cenere per sprecare la farina.

Saccu vacanti no stavi a dritta.

Sacco vuoto non sta dritto.

Si comu u citrolu senza simenza.

Sei come un cetriolo senza seme. (si dice di una persona senza un po' di cervello)

Vali quantu nu ficu siccu.

Hai il valore di un fico secco cio poco o niente.

A mamma di cazzuni sempre prena.

La mamma degli stupidi sempre incinta.

A testa chi non penza di cucuzza!

La testa che non pensa come una zucca gialla. (vuota all'interno)

Saccu vacanti non teni all'ardita.

Sacco vuoto non tiene in piedi.

U porco a muntagna e l'acqua gujji

Ancora il maiale si trova in montagna (quindi ben lontano dal mattatoio) e gi la caldaia con l'acqua per depilarlo dopo morto, bolle. Si dice quando frettolosamente ci si cura dei particolari mentre l'evento principale ancora molto di l da venire.

Cu vai o lavuru e nno lavura beni tri voti va e tri voti veni.

Chi va al lavoro e non lavora bene tre volte va e tre volte viene.

Nd'havi u mali i "Ndo`"; u mangia voli e u lavura no.

Ha il male di "Nando`"; vuol mangiare ma lavorare no.

O caru cumpari non fari la gringia, chista la casa i cu fatiga mangia.

O caro compare non fare le smorfie, questa la casa in cui chi lavora mangia.

V a spassu a matina m' libbiru dopu menzijornu.

Va a spasso al mattino per essere libero nel pomeriggio.

Quandu Gianni vindigna Petru menti i pali.

Quando Gianni vendemmia Pietro mette i pali.

Artaru servi, artaru mangi.

Altare servi, altare mangi.

Cu voli u focu u vai pe ligna.

Chi vuole il fuoco raccolga la legna.

U jornu ndera ndera e a sira ca lumera.

Il giorno a zonzo di qua e di l e alla sera lavoro alla luce del lume.

U jornu a undi vojgghiu e a sira shtrudu l'ojgghiu.

Il giorno vado dove mi pare e poi alla sera spreco l'olio per lavorare.

Cu non vai pe razzi ven'a sira e si bbutta i cazzi.

Chi non va a lavorare quando arriva la sera e non ha niente da mangiare.

A cira squajjia e u santu non camina.

La cera delle candele si scioglie ma la processione non si muove. Significa che tutto pronto ma intanto tutto rimane fermo e non prende il via.

Stai cca pe ffari u ceju i malaguriu.

Rimani qui soltanto come uccello del malaugurio.

Si cuntentunu u morunu i fami pe nommu fannu nenti.

Si accontentano di morire di fame per non far niente.

Mangia, 'mbivi e jetta puntati o muru.

Mangia, beve e tira calci al muro(si dice di persona che non fa nulla di utile e tuttavia vive bene).

Fari 'u sceccu nto linzolu.

Fare come l'asino nelle lenzuola(far finta di niente).

Juma a pipa e na stuta jcchi.

Accende la pipa e non la spegne pi.

Lavura sutta a cinniri comu o lignu da castagnara.

Lavora sotto la cenere come il legno del castagno.

A tutto 'nc riparu, menu c'a morti e a cazzunaggini!

C' rimedio a tutto meno che alla morte ed alla cretinaggine.

A gatta pressarula fa i figli cicati.

La gatta che ha fretta fa i figli ciechi.

Ndavi cchiu corna i nu panaru i lumache.

Quella persona possiede piu' corna di un cesto colmo di lumache.

U lignu stortu mancu po casu e` bonu.

Il legno ricurvo non buono nemmeno per mescolare il formaggio.

Cu sputa n'celu n'pacci n'ci veni.

Chi sputa in cielo si ritrova con la sua stessa saliva in faccia.

U sciampagnuni cu suraru 'ntornisi si passaru.

Lo sprecone e l'avaro si distinguono per un soldo.

Si cangiau l'ojcchiu ca cuda comu o surici'orbu.

Si cambi l'occhio per la coda come la talpa.

Cu vai cu zzoppu zoppija.

Chi cammina con lo zoppo impara a zoppicare.

A testa chi non penza di cucuzza.

La testa che non sa pensare vuota come la zucca.

quantu na sjchiocca i fica.

alto quanto una stecca di fichi secchi.

Cu stavi a speranza d'atri e non cucina veni a sira e canta la diana.

Chi sta alla speranza d'altri per cucinare arriva la sera e canta per la fame.

Cu pe mmia e jeu pe ttia e u focu no ttizza nuju.

Tu per me ed io per te ed il fuoco non lo bada nessuno.

Quandu a cortara china cadi i fora.

Quando la brocca piena trabocca.

Chistu non voli u 'ncino u cojgghi i fica.

A questo non serve l'uncino per raccogliere i fichi. (per descrivere una persona di statura alta)

L'asinu scorcia ficari dassa u viziu quandu mori.

L'asino che danneggia i fichi perde il vizio quando muore.

Nd'havi na manu longa e una curta.

Possiede una mano lunga ed una corta.

Fannu sciaqua Rosa e mbivi Gnesa.

Rosa lava e Agnese beve.

U mundu na vertula:- Davanti mentimu i difetti i ll'atri e darretu mentimu i noshtri.

Il mondo una bisaccia:- davanti mettiami i difetti degli altri e dietro mettiamo i nostri.

Fannu tanti facci comu a cipuja.

Fanno tante facce come la cipolla.

Cu jcchi nd'havi jcchi voli e u carusu non jinchi mai.

Chi pi ne ha di pi ne vuole ed il salvadanio non mai pieno.

Vonnu a varda miscitata comu e scecchi.

Vogliono il basto mescolato come gli asini.

Dopu chi si rrobbaru a Santa Jchiara ficiru i porti i ferru.

Dopo aver derubato a Santa Chiara fecero le porte di ferro.

Supra e spaji d'atru ognunu tajgghia largu.

Sulle spalle altrui ognuno taglia largo.

Webmaster Ing. Francesco Alati