Proverbi

IMPRECAZIONI

Mancu li cani li napulitani

Nemmeno ai cani i napoletani.

Mortu e bonu dh aund'.

Morto e buono l dove (si aggiunge quando si dice male di una persona morta, circostanza che di solito induce ad essere benevoli).

Ddiu u ti libbira di ll'omini spani e di fimmani barbuti

Dio ti scampi dagli uomini glabri, dalle donne barbute

Pari ca nd'aviti u moviu.

Sembrate affetti dalla malattia del movimento.

Mu nci pijgghia a lupareja com-e-crapi!!

Che gli venga il mal del lupo come alle capre!!

Ddiu mu ti libbira di fijgghi piccijusi e di vicini 'mbidijusi.

Dio ti scampi da i figli piagnucolosi e dai vicini invidiosi.

Volivivu brusciati cu petroliu e canni virdi!!

Dovreste essere bruciati con petrolio e canne verdi!!

Chimmu squagghjavi com'a niv'i marzu.

Che tu ti possa sciogliere come la neve a marzo.

'I tri da vineddazza: Trivulu, Malanova e Scuntintizza.

I tre dell'osteria: Piagnisteo, Cattivanuova e Scontentezza

'A puta 'i mustazzuni.

La bottega del baffuto(si dice di qualcosa che funziona male).

Rigunu e puleju, unu tintu e l'attru peju.

Origano e puleggio, uno brutto e l'altro peggio.

Puru i pulici hannu 'a tussi.

Anche le pulci hanno la tosse (si dice di persona che si sopravvalutata).

U porcu nci mbizza a d Maria a troia.

Il maiale insegna l'Ave Maria alla scrofa.

Nci raccumanda a pecura o lupu.

Gli raccomanda la pecora al lupo.

Rigettativi comu rigetta u caf.

Calmatevi come si 'calma' il caff.

Gratta a porta com'e gatti.

Gratta alla porta come i gatti.

Pari nu catapasmi i linusa.

Sembri un fantasma di lino (vale a dire mezzo morto).

 

Webmaster Ing. Francesco Alati