Proverbi

MALATTIE E MORTE

Chianu, chianu 'u malatu leva 'u sanu.

Piano, piano l'ammalato sostiene il sano.

Supra a vaddera u carbunchiu.

Sull'ernia il carbonchio (il massimo della sfortuna).

Essiri "muru cu muru cu' spitali".

Essere rasente al muro dell'ospedale (cio combinato male in salute od altro).

A vejcchiaja na carogna.

La vecchiaia una rovina.

Guai ca pala e morti mai.

Quandu a morti non c', i guai ca pala.

Guai a palate e morte mai.

Quando morte non c' si accettano i guai a palate.

Pe nommu nci dugnu saziu a morti mi cuntentu u moru chu l'ojcchi aperti.

Per non dar soddisfazione alla morte mi accontento di morire con gli occhi aperti.

I vejcchi morunu cu tri "C": Caduta, cacareja e catarru.

I vecchi muoiono con tre "C":- Caduta, cacarella (diarrea) e catarro.

Quandu a scajgghia, quandu a pipita, a gajineja mia sempri malata.

Quando la scheggia, quando la pepita, povera gallinella mia sempre malata.

Quandu tempu u si mori i medici trasunu ca benda.

Quando tempo di morire i dottori entrano con gli occhi bendati.

A vejcchiaja nu pettinu chi passa a tutti pari.

La vecchiaia come un pettine, passa su tutti.

Vai a marpatuta e non jiri a medicu.

Meglio essere malati che andare dal medico.

Undi trasi u suli non trasi u medicu

Dove entra il sole non entra il medico.

Quandu veni u nd'hai beni o mori o peri.

Quando incominci a star bene (qui si riferisce alla situazione economica) ecco che arriva la morte.

Webmaster Ing. Francesco Alati