Proverbi

MANGIARE

Panza chjina canta no cammisa janca.

Canta la pancia piena e non la camicia pulita.

'U dubbatu non cunsidera 'u ddiunu.

Il sazio non ha considerazione per chi digiuno.

Fari a vita i Michelazzu: mangiari, 'mbiviri e jiri a spassu.

Fare la vita di Michelaccio: mangiare, bere ed andare a spasso.

Mangiari cu' mussu 'nto stipu.

Mangiare con la bocca nella credenza (di nascosto dagli altri).

Cu' mangia e non cumbita, no mi campa mi si marita.

Chi magia senza invitare, che non viva per sposarsi.

A' tavula misa , cu non mangia perdi a spisa!

La tavola apparecchiata, chi non mangia perde la spesa (cibo).

Pulici leviti ch' jornu!! E se mi levu vojgghiu pani; statti fin'a domani.

Pulce alzati che gi giorno!! E se mi alzo voglio il pane; allora resta a letto fino a domani.

U cani prima u si mangia l'ossu si misura u culu.

Il cane prima di mangiare l'osso si misura il culo.

Panetteju nd'havi abatia ca monaceji nd'havi ogni via.

Il pane non manca all'abbazia perch i monacelli si trovano ad ogni via.

Cu non mangia in cumpagnia o mpamu o fa la spia.

Chi non mangia in compagnia o infame o una spia.

A panza di pejijcchia, jcchi mangia e jcchi stendijcchia.

La pancia come un pallone, pi mangia e pi si allarga.

Mangia quandu nd'hai fami e dormi quandu nd'hai sonnu.

Mangia quando hai fame e dormi quando hai sonno.

U bonu pani finu a pezza, u bonu vinu finu a fezza.

L'ottimo pane buono fino all'ultima mollica e l'ottomo vino buono fino all'ultima goccia.

U mangiari e u mbiviri ti sana, u tristi fatigari ti cunsuma.

Mangiare e bere ti fa star bene, il duro lavoro ti consuma.

U gubbitu son si sazzija mai!

L'ingordo non mai sazio.

Omini i vinu ogni trenta n'carrinu.

Uomini da vino ogni trenta valgono un carlino.

I jchiajcchiri mi vindu e chi maccarruni mi jincu a panza.

Le chiacchiere le vendo e con i maccheroni riempio la pancia.

A sarda si mangia da cuda e a cipuja da testa.

La sarda si mangia dalla coda e la cipolla dalla testa.

U sceccu si mangia a pajgghia ca si ricorda quand'era jerba.

L'asino mangia la paglia perch ricorda quand'era erba.

Su boni i fica e cerasi ma maru ja panza chi pani non trasi.

Fichi e ciliegie sono delizie per povero lo stomaco che non vede pane.

Pani i vilanza non jinchi panza.

Il pane comprato a peso non sfama.

U nigru pani caccia a nigra fami.

Il negro pane manda via la negra fame.

Pani i casa muzzica e basa.

Pane fatto in casa, mordi e bacia.

Cu mmazza u porcu cuntentu n'annu e cu si marita cuntentu nu jornu.

Chi macella il maiale contento per un anno e chi si sposa contento per un giorno.

Cala ficu ca t'abbuccu.

Cadi fico che ti mangio.

Mangia nto` scifu comu o porcu.

Sembra un majale quando mangia.

Friji i pisci e guarda a gatta.

Quando si cucina il pesce si dever stare attenti al gatto.

Cu mangia cu ddu ganghi s'affuca.

Chi mangia con tutte le due guance prima o poi soffoca.

Se voi pijgghiari na bona pilucca u pedamentu fattillu cu l'acqua.

Se vuoi ubriacarti perpara lo stomaco con l'acqua.

Cu mangia e non mbita nomm'u cmpa i si marta,e ccu mbittu vli nomm'u cmpa i ndvi figghjli.

Chi mangia e non mi invita che non viva abbastanza da sposarsi,e chi vuole essere invitato che non viva abbastanza per avere figli.

Voli i melinghi shtricati c'acitu u nci veni a fami.

Bisogna ungergli le tempie con l'aceto per fargli venire la fame.

Ndannu tanta fami chi a sicutano ca ramida

Hanno tanta fame che la cha mandano via con un ramo

Webmaster Ing. Francesco Alati