Proverbi

MASSIME

Amaru u picculu ca va intr'u grandi.

Amaro il piccolo che va nel grande. Ad esempio: non temere l'ingerimento di piccole creature che potrebbero "abitare" il cibo di cui ti nutri, tanto il peggio per loro e non per te.

A gaglina faci l'ovu e o gagliu nci brucia u culu.

La gallina fa l'uovo e al gallo gli brucia il culo. Ovvero: dopo che qualcuno ha portato a termine un difficile e stupefacente gesto c' sempre chi, arrivando all'ultimo momento, si prende tutti i meriti.

A scusa du piritaru e' a tussi

La copertura a cui spesso ricorre una persona affetta da disturbi intestinali evidenti e' la tosse.

U porcu i l'attri sempi chiu grassu!

Il maiale degli altri sempre pi grasso.

U cornu 'ndo culu d'atri filu i riganu, 'ndo nostru travi i solaru!

I problemi degli altri sono niente se capitano agli altri, e enoermi quando capitano a noi.

Quand'a gatta non c', i surici bballanu.

Quando il gatto non c' i topi ballano.

Miegliu nu ciucciu vivu cca nu miedicu morto.

E' meglio un asino vivo anzich un dottore morto.

L'abbutt unnu crira a ru riun.

La persona sazia non crede a chi sta a digiuno.

U tranquillu su'ncularu!

Parafrasando: chi pecora si fa il lupo se lo mangia

Quandu u ciucciu nun voli 'mbiviri avojjia ca'nci frischi.

Quando l'asino non vuole bere inutile che gli fischi.

A petra ca nun faci lippu sa lva 'a sciumara.

La pietra che non si lega al terreno viene portata via dal fiume.

Ogni testa nu tribunali.

Ogni testa come un tribunale (ognuno ha il suo modo di pensare).

Frabbichi e liti, provati ca viditi!

Costruzioni e cause, provate e vedrete!

Chjacchjari e tbacchjeri i lignu no li cangia u Bancu i Napuli.

Chiacchiere e tabacchiere di legno(oggetti di nessun conto) non vengono negoziati al Banco di Napoli.

Cu havi pocu dinari sempra cunta, cu havi 'a mugghjiera beddha sempra canta.

Chi ha poco denaro sempre conta, chi ha una bella moglie sempre canta.

Si Ccla cacva no mmora abbutttu.

Se Nicola avesse defecato non sarebbe morto soffocato (con i se e con i ma non si conclude niente).

Cu sprti pigghj'a magghjiu parti.

Chi divide ha la parte migliore, detto anche in senso ironico "chi divide in una lite prende pi botte"

U piaciri d'u ciucciu e' a gramigna, e chigliu d'u cavallu e' l'erba longa.

All'asino piace la gramigna, al cavallo l'erba lunga.(E' bello cio' che piace)

Acquazzina non dinchi cisterna.

L'acqueruggiola non riempie le cisterne.

Cani chi abbaja assai muzzica pocu.

Cane che abbaia molto, morde poco.

Cumandari e megghjiu 'i fttiri

Comandare meglio che fare all'amore

Cu mana non pena.

Chi maneggia (dirige) non pena.

'U mastru pignataru menti a manica aundi voli.

Il frabbricante di pentole attacca il manico dove vuole lui.

Ogni ficateddhu i musca sustanza.

Ogni fegatello di mosca sostanzioso.

Ogni purceddu vanta 'u scifu soi.

Ogni maiale vanta il suo truogolo

Cu' figghiu di gatta srici pigghia.

Chi figlio di gatta prende i sorci.

A' cavaddu jastimatu nci luci 'u pilu.

Al cavallo ingiuriato gli luccica il pelo.

Cu` si menti chi` fijjoli brisci cacatu.

Chi si mette sullo stesso piano dei bambini piccoli si risveglia sporco di cacca.

Sordi e am icizia vannu an culu a Giustizia.

I soldi e le buone relazioni corrompono la Giustizia.

Cu pecura su faci 'u lupu su mangia.

Chi si fa pecora viene mangiato dal lupo.

I cordi longhi si fannu serpi.

Le corde lunghe diventano serpenti (le faccende che vanno per le lunghe si complicano)

Niru cu niru non tingi.

Il colore nero sul nero non tinge.

Se u picciulu voli ciangiri, cu randi savi a mentiri.

Se il piccolo vuole piangere, con il grande si deve bisticciare.

U bonu si scrivi supra a rina, u malu supra a petra.

Il bene lo si scrive sulla sabbia il male sulla pietra. (Sta ad indicare che il bene lo si dimentica facilmente ed il male lo si ricorda sempre perch scolpito nella pietra).

Cu cerca trova e cu miscita pijgghia.

Chi cerca trova e chi mescola prende.

Na nuci nta nu saccu no scrusci.

Una sola noce dentro un sacco non fa rumore.

A vucca non paga daziu.

La bocca non paga il dazio.

Quandu u suli nesci, nesci pe tutti; quando jchiovi, jchiovi pe tutti.

Quando il sole nasce, nasce per tutti, quando piove, piove per tutti.

Focu e jhumara, a undi pijgghia leva para.

Fuoco e fiume spazzano via tutto.

Puru l'ojcchiu voli a so' parti.

Anche l'occhio vuole la sua parte.

Sbajgghiandu, sbajgghiandu s'impara.

Sbagliando, sbagliando s'impara.

I belli e i brutti a terra s'injghiutti.

I belli ed i brutti la terra li inghiotte tutti.

Non c' luttu senza risu e non c' matrimoniu senza piantu.

Non c' lutto senza un sorriso e non c' matrimonio senza un pianto.

Cu pratica o suli staci all'umbra quandu voli.

Chi si abitua al sole sta all'ombra quando gli pare.

Centu muschi jettunu n'cavaju.

Cento mosche abbattono un cavallo.

I paroli su' comu e cerasi, una tira l'atra.

Le parole sono come le ciliegie, una tira l'altra.

Mbasciaturi non porta pena.

Ambasciatore non porta pena.

Ogni essiri p essiri menu omini preni.

Ogni essere pu essere meno che uomini gravidi.

U ceju n'gabbia o canta pe mbidia o pe rrabbia.

L'uccello in gabbia o canta per invidia o per rabbia.

Sa jcchi unu a fari ca centu a cumandari.

Ne sa di pi uno che sa fare che cento a comandare.

U cani chi baja assai muzzzica pocu.

Il cane che tanto abbaia morde poco.

A tonica non faci u monicu e a chirica non faci u previti.

La tonaca non fa il monaco e la chierica (tonsura) non fa il prete.

Non ponnu jiri ddui cani cu n'ossu e mancu ddui nimici andari a spassu.

E' difficile per due cani spartire un osso come difficile per due nemici andare a spasso.

U tempu e` mashtru di cosi.

Il tempo maestro delle cose.

Nc'e` u giojgghiu a menzu o ranu.

C' la zizzania in mezzo al grano.

Cu dici chiju chi voli senti chiju chi non voli.

Chi dice quello che vuole sente quello che non vuole.

I dinari d'u suraru si mancia u sciampagnuni.

I denari dell'avaro se li mangia lo sprecone.

A cascia no nd'avi sacchetti!

La cassa (la bara) non ha tasche. Sta a significare che inutile affannarsi ad accumulare soldi o ricchezze eccessive perch una volta morti nella bara non ci sono tasche per portarseli dietro e tutto lo si lascia su questa terra.

Cu sparagna d'ojii a domani sparagna pe gatti e pe cani.

Chi risparmia da oggi a domani risparmia per i gatti e per i cani.

Se portavivu jchhiu` i ddui jivivu a 'limosina.

Portando pi di due sareste ridotti all'elemosina

Prima si menti a cammisa e poi u corpettu.

Per primo si indossa la camicia e poi il corpetto.

Ogni dassata persa.

Ci che si lascia perduto per sempre.

Cu ti voli beni ti 'mpatica u ranu e cu ti voli mali ti 'mpatica u linu.

Chi ti vuole bene ti calpesta il grano e chi ti vuole male ti calpesta il lino.

Ogni nasu a so` facci meri.

Ogni naso adatto al proprio viso.

Cu presta resta e cu vindi mori.

Chi presta rimane e chi vende muore.

A scarpa vai ca cazetta.

La scarpa va con la calza.

Quandu u piru e` maturu cadi sulu.

La pera matura cade da sola.

A livara e` comu a testa pedojcchiusa, jcchiu` misciti e jcchiu` trovi.

L'olivo come la testa pidocchiosa, pi si fruga tra i rami e pi olive si trovano.

A lingua batti a undi u denti doli.

La lingua batte dove il dente duole.

A calata ogni santu juta e a njchianata na jhestimata.

In discesa ogni santo aiuta ed in salita si bestemmia.

A pajgghia vicino o focu pijgghia.

La paglia vicino al fuoco divampa.

Tantu a cortara va all'acqua fin'a chi si spezza.

Tanto va la brocca all'acqua finch si rompe.

Quandu a gatta no rriva o premuni dici ca puzza.

Quando il gatto non riesce a prendere il polmone, dice che puzza.

Cu vai all'acqua si vagna e cu vai o mulinu s'imparina.

Chi all'acqua va si bagna e chi va al mulino si infarina.

All'ortu nci voli n'omu mortu.

L'ortolano deve passare tutta la vita per governare l'orto.

Quandu si stuta a lumera simu tutti i na manera.

Al buio siamo tutti uguali.

Si rispetta u cani pe facci du patruni.

Si rispetta il cane per fare buon viso al padrone.

Cu simina spini nommu vai a scarza ca s'impila a dimenticata.

Chi semina spine meglio che non cammini scalzo.

I paroli da sira su nnenti a matina.

Le parole della sera non valgono niente il mattino dopo.

L'ojcchiu du patruni 'ngrassa o cavallu.

L'occhio del padrone ingrassa il cavallo.

Maru e l'aviri cu patruni non vidi.

Meschino il padrone che non si rende conto di tutti i suoi averi.

Cu si'nnamura di capigli e denti non si' nnamura i nenti.

Chi si innamora per via di capelli e denti non si innamora per niente.

Cu si curca cu cotrari si leva cacatu e pisciatu.

Chi si prede cura dei bambini deve accettare il bene ed il male.

Cu nci lava a facci all'asinu perdi l'acqua e a lissia.

Chi lava il viso all'asino spreca l'acqua e il sapone.

Dopu cu mali fattu u pentimentu non servi jcchi.

A male fatto il pentimento non serve pi.

A mejgghiu vinditta l'abbandonu.

La miglior vendetta l'abbandono.

A mejgghiu parola chiglia chi non si dici.

La miglior parola quella che non si dice.

Quandu jocanu ddui, o unu o n'attru nd'havi i perdi.

Qunado due giocano l'uno o l'altro deve perdere.

U menu chi sapi, sapi u cornutu.

Il meno che si sa lo sa il cornuto.

Paura guarda vigna e nno sipala.

La paura guarda la vigna e non la siepe.

Cu a tira a stocca.

Chi la tira la rompe.

Ognunu prega i Santi soi.

Ognuno prega i Santi per se stesso.

Cu di cutegliu feri di cutegliu peri.

Chi di coltello ferisce di coltello perisce.

Cu patri e patruni non si caccia raggiuni.

Con il padre e con il padrone non si pu mai aver ragione.

Se pecura ti fai u lupu ti mangia.

Se pecora diventi il lupo ti sbrana.

Cu simina ventu cojgghi tempesta.

Chi semina vento, coglie la tempesta.

Cu sulu si vanta cacatu si senti.

Chi da solo si vanta, puzza si sente.

A casa du forgiaru, spiti i lignu.

In casa del fabbro ci sono solo spiedini di legno.

A cumpidenza patruna da mala crijanza.

La confidenza padrona del mal costume.

Omu avvisatu menzu pagatu.

Uomo avvisato, mezzo avvertito.

Webmaster Ing. Francesco Alati